Io e la mia estetista

Premesso che mi piace anche prendermi cura del mio aspetto estetico e riconosco l’utilità di rivolgersi ad un centro estetico se non vuoi sembrare una maschera di te stessa, ritengo che andare dall’estetista non è per niente semplice.

Ammetto che io personalmente non sono incline a frequentare quei posti per la mia natura da bradipo che predilige il divano al lettino, o il monologo della televisione alla quale non devi per forza rispondere pur di non passare da maleducata e scontrosa (come sempre), ma soprattutto non sopporto provare dolore e pagare per questo mi rende lo scenario del tutto assurdo!

Si lo so di aver detto che mi piace prendermi cura del mio aspetto fisico, e non nego che, dopo che le mani esperte di un’estetista abbiano compiuto il loro miracolo su di me, io rimanga sorpresa di trovare quella faccia sotto una coltre di peluria di sopraciglia, ma devo anche essere onesta, la mia estetista mi imbarazza!

È brava per carità, ma è anche molto esperta nel farti sentire un piccolo calimero, ovviamente non c’è da preoccuparsi perchè acquistando i loro fantastici pacchetti in cui un trattamento è sempre in omaggio puoi trasformarti in un bellissimo cigno. E fino a qui non ci sarebbe alcun problema se la prospettiva è quella di diventare un cigno, ma sono  ben consapevole che nemmeno quel pacchetto da 600€ può trasformare un nasica (primate con un appendice nasale che può superare i 15 cm – andatelo a guardare è veramente buffo) in un elegantissimo uccello acquatico, perchè diciamo la verità non sono nemmeno quel dolcissimo pulcino tutto nero, quindi il problema è proprio alla base!

Ma io non mi arrendo, mi piace sentirmi in ordine e curata e quindi trascino le mie gambe e la mia faccia in quel di centro estetico, e armandomi di tutta l’autoironia che la natura mi ha donato, declino l’invito di acquistare trattamenti miracolosi in formula rateizzata, con un “neanche l’acqua miracolosa ha potere su di me, ma grazie di averci creduto” e mi abbandono sul lettino cullata dalla musica new age e dai pettegolezzi riguardanti la sconosciuta cliente precedente.

Author: permaLosa

Giulia-La permaLosa. This is a personal diary of an ordinary girl who likes to live at the mercy of her moods

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s